CONSIDERAZIONI GENERALI

Se un primo impatto con il traffico vietnamita può spaventare, ricordatevi quanto segue:

  • Nessuno cerca l’incidente, anche se potrebbe sembrare il contrario. Attraversate la strada in modo sicuro e deciso, gli altri mezzi si sposteranno di conseguenza.
  • Le regole imparate a scuola guida potete anche scordarvele. Non esiste una precedenza a destra o un senso unico, imparate le regole sulla guida locale ed adattatevi senza protestare.
  • Il più grosso vince.SEMPRE.
  • I vietnamiti guidano piano, raramente troverete mezzi che superano i 70km orari.
  • Suonano sempre il clacson, senza alcun apparente motivo. Non preoccupatevi quando sentite suonare, preoccupatevi quando c’è silenzio.

Detto questo, ecco le rotte che abbiamo fatto nel dettaglio, ogni rotta valuta

Le condizioni dell’asfalto (1=disastroso 9=ottimo)
Il panorama (1=orrendo 9=mozzafiato)
Il traffico (1=inesistente 9=praticamente fermi)


DA HANOI A SAPA

Asfalto=3
Panorama=8
Traffico=7
Tempo impiegato= 2 giorni e mezzo

Purtroppo non ci siamo sufficientemente documentati sulla nostra prima rotta vietnamita e ci siamo completamente affidati a Google Maps che ci ha suggerito di percorrere la QL32C (suppongo che la AH14 fosse la scelta giusta ma non ho sufficienti informazioni a riguardo).

Uscite da Hanoi possibilmente alle prime luci dell’alba per non rimanere incastrati nel traffico della capitale. Le strade sono buone per diversi km ma una volta imboccata la QL32C la situazione diventa brutta.

Siamo passati attraverso piccoli villaggi e le strade non erano pavimentate ed erano piene di fango e pozzanghere. A causa di una slavina siamo stati costretti a prendere la DT166 che è addirittura in condizioni peggiori.

La strada migliora di colpo appena si entra nella provincia di Lao Cai, ed una volta arrivati in città, abbiamo preso la deviazione per Sapa sull’unica strada possibile, ossia la QL4D.

Le condizioni di questa strada sono buone ma la presenza di autobus e camion rende il tratto meno agevole. I grandi mezzi si superano a vicenda senza tener conto di curve cieche o quant’altro, rendendo la vita dei motociclisti più difficoltosa del dovuto.

Una volta a Sapa Town le strade sono in condizioni discrete, diversi lavori in corso rendono la strada ghiaiosa in più punti. Se volete uscire dalla città la TL152 è la scelta migliore e talvolta l’unica: questo però non vuol dire che sia una buona strada anzi, spesso sterrata e attraversata da ruscielli che possono diventare veri e propri torrenti durante e dopo i temporali.

CLICCA QUI! Per vedere il video della nostra avventura!


DA HANOI AD HALONG BAY

Asfalto=9
Panorama=2
Traffico=7
Tempo impiegato= 3 ore 45minuti

Questa rotta è molto semplice: prendete la AH14 fino in prossimità di Hai Phong e girate a sinistra sulla DT388 prima di entrare in città. Svoltate a destra sulla QL18 che vi porterà diretti ad Halong City.

Per imbarcare la moto andate al molo di Tuan Chau. Dalla DT388 svoltate a destra sulla piccola isola di Dao Tuan Chau e percorretela fino in fondo. Arriverete al molo dove una barca vi porterà sull’isola di Cat Ba.
In meno di quattro ore potete arrivare ad Halong Bay. Ottime condizioni dell’asfalto ma parecchio traffico, soprattutto camion e autobus.


DA HALONG BAY A NIHN BINH

Asfalto=9
Panorama=3
Traffico=7
Tempo impiegato=5 ore

Da Halong City prendete la QL18 in direzione ovest finchè si incrocia con la QL10 e seguitela finchè non arriverete a Nihn Binh, tutto qui!

Ancora camion e autobus saranno i vostri acerrimi nemici, e tutte le volte che passerete attraverso una città preparatevi alle orde di motorini e motociclette.
In linea di massima è una tratta semplice e abbastanza veloce, soprattutto fuori dalle aree urbane. Il panorama è abbastanza avvilente, meglio rimanere concentrati sulla guida.


DA NIHN BINH A PHONG NHA

Asfalto=7
Panorama=7
Traffico=5
Tempo impiegato= 12 ore

Da Nihn Bihn prendete la QL1A fino a Thanh Hoa e poi la QL47 in direzione ovest fino all’intersezione con la QL15 Ho Chi Minh road, svoltate verso sud. Proseguite sempre sulla Ho Chi Minh che ad un certo punto si biforca in due, una parte continua con questo nome(il nostro percorso), mentre l’altra parte riprende il nome di QL15.

La Ho Chi Minh road è consgliabile sia dal punto di vista del traffico, sia per quanto riguarda il panorama.
Vista la grande distanza è consigliabile fermarsi e pernottare a Pho Chau, piccola città con prezzi veramente bassi e molti negozi in caso di necessità.

Continuate il vostro viaggio verso sud sempre sulla stessa strada che ad un certo punto si riunirà con la QL15, diventando nuovamente una strada unica che vi porterà fino alla vostra meta.

Buone le condizioni dell’asfalto, nella tratta di montagna peggiora ma non diventa mai un vero problema, basta non correre troppo e mantenersi stabili.
Il panorama diventa via via più bello mentre ci si avvicina a Phong Nha.

Noi abbiamo preso due giorni di pioggia che hanno rallentato la nostra velocità di marcia, è possibile fare questo tragitto in meno ore.


DA PHONG NHA A HUE

Asfalto=9
Panorama=4
Traffico=7
Tempo impiegato= 4.30 ore

Uscite da Phong Nha sulla QL16/Duong Ho Chi Minh in direzione sud e poi prendete la deviazione per la QL1A, una strada che corre parallela alla QL16 ma con asfalto migliore e minor traffico.

Su questa tratta è possibile scatenare tutti i (pochi) cavalli della moto sul lungo rettilineo. Il panorama qui è interessante, ci sono dune di sabbia gialla e roccie rosse, alcuni laghi con acqua azzurrissima, sembra un paesaggio africano. Assicuratevi di aver sufficiente benzina per questo pezzo perché non ci sono stazioni di rifornimento.

Proseguite diretti fino a Hué. Questa strada prende anche il nome di AH14/QL1, una delle principali vie del paese e spesso demonizzata dai motociclisti del luogo e non.
Il fatto è che molti temono la presenza di camion, ma se si parte presto (noi abbiamo lasciato Phong Nha alle 5 del mattino) è difficile incontrare grandi mezzi.

Se siete sulle strade tra le 9 e le 10 del mattino vi consiglio una bella pausa, perché questa è l’ora di punta e se non vi sentite sicuri a guidare con il traffico è meglio prendersela con comodo.
Già a mezzogiorno il traffico è molto inferiore.


DA HUE A NHA TRANG

Asfalto=N/A
Panorama=N/A
Traffico=N/A
Tempo impiegato= 12 ore

Inizialmente questa tratta includeva fermate a Da Nang, Hoi An e Qui Nhon ma siamo stati fermati dal tifone Damrey e abbiamo dovuto optare per un autobus che ci portasse fuori dall’area il più presto possibile. Comunque tutte queste città si trovano lungo la QL1A, le condizioni dell’asfalto dovrebbero essere sempre buone e il panorama discreto.


DA NHA TRANG A VINH HY

Asfalto=8
Panorama=9
Traffico=5
Tempo impiegato= 2 ore

L’intenzione iniziale era di andare a Dalat direttamente da Nha Trang ma le informazioni che avevamo davano la strada principale per Dalat chiusa o difficilmente praticabile, per cui abbiamo deciso di deviare per il piccolo paese di Vinh Hy e andare a Dalat passando da Phan Rang. Quello che doveva essere un semplice stop di una notte si è trasformato in quattro giorni di esplorazione della costa, in cerca di spiagge deserte e sabbia bianca.

Il panorama appena usciti dall’aerea di Nha Trang ed imboccata la DT702 è mozzafiato: montagne, mare, pianure, avrete tutto assieme nella vostra visuale. Questo tratto di strada lascia semplicemente a bocca aperta, senza dubbi uno dei più bei paesaggi che abbiamo visto di tutto il Vietnam.

Uscite da Nha Trang sulla DT657I seguendo la costa poi deviate verso l’entroterra immettendovi nella solita QL1A. Proseguite fino alla DT702 e godetevi questa strada dall’ottimo asfalto e dal meraviglioso panorama, seguitela fino a meta.


DA VINH HY A DALAT

Asfalto=8
Panorama=9
Traffico=7
Tempo impiegato= 5 ore

Scendete a sud fino alla città di Phan Rang poi imboccate la QL27/QL20 fino a Dalat. Passerete attraverso piccoli paesi fino ad arrivare ai piedi delle montagne. Da qui inizierete la vostra salita fino alla città di Dalat, tra folta vegetazione, palme e via via panorami sempre più incredibili. Una volta arrivati in cima alla montagna vi aspetterà una vegetazione inusuale per il Vietnam: entrerete spesso dentro a delle pinete e le temperature si abbassano di diversi gradi. Google vi indicherà che per questa tratta impiegherete 3 ore ma la lunga salita verso la cima dei monti e i numerosi tornanti rallentano il percorso costringendo a fare lunghi tratti in seconda. Inoltre camion e autobus in entrambe le direzioni richiedono una guida costantemente vigile e allerta.


DA DALAT A MUI NE

Asfalto=6
Panorama=9
Traffico=3
Tempo impiegato= 4 ore

Scendete sulla QL20 fino alla città di Dai Ninh, qui imboccate la QL28B fino a Luong Trung,  girate a destra sulla AH1 per poi girare poco dopo sulla DT716 che vi porterà direttamente a Mui Ne. Questa strada costeggia laghi, montagne e lussureggianti pianure, si evita la High Way 1 per quasi tutto il percorso (AH1) ed il traffico è praticamente inesistente. In una parte della DT716 stavano asfaltando la strada e per un paio di km la situazione era di una sola corsia a senso di marcia alternato senza asfalto e con grossi ciotoli che rendevano la guida difficoltosa. A parte questo, le condizioni dell’asfalto sono buone, il panorama eccezionale e si arriva vicini alle dune di sabbia bianca di Mui Ne, probabilmente la migliore attrazione di quest’area.


DA MUI NE A HO CHI MINH CITY

Asfalto=9
Panorama=7
Traffico=7
Tempo impiegato= 8 ore

Abbiamo deciso di percorrere la strada panoramica che costeggia il mare per gran parte della tratta, preferendo il paesaggio alla velocità. Siamo scesi da Mui Ne per la T719/QL55 fino a Long Hai, dove abbiamo deciso di passare la notte e ripartire la mattina dopo per HCMC. Da Long Hai abbiamo preso la QL51 fino a Long An e da li la HL13 fino al porto di Bến Phà Cát Lái Nhơn Trạch, dove abbiamo preso una nave che permette di saltare un lungo pezzo di Highway molto trafficato. Siamo arrivati ad Ho Chi Minh City dalla “porta di servizio”, soluzione economica pratica e veloce! Dall’altra parte del fiume sarete praticamente arrivati a destinazione. La parte di costa dopo Mui Ne è molto gradevole da guidare anche se è sempre possibile che la polizia vi fermi per estorcere qualche soldo: 200mila Dong dovrebbero essere sufficienti per toglierseli di torno. Più ci si avvicina al porto e più la strada diventa trafficata e poco affascinante. Il traffico di Ho Chi Minh City è uno dei peggiori assieme a quello di Hanoi, la velocità media scende drasticamente, talvolta fino a far pensare che si potrebbe essere più veloci a piedi..


MEKONG DELTA

Asfalto=9
Panorama=8
Traffico=4
Tempo impiegato= 5 giorni

L’area del delta del Mekong è enorme ed è difficile scegliere cosa vedere, le informazioni non sono tante e la maggior parte dei turisti utilizza agenzie che portano tutte negli stessi luoghi che sono progettati come “vetrine” per gli stranieri. Potendo girare in moto abbiamo scelto le mete meno turistiche, trovando sul nostro cammino persone del luogo e praticamente nessun turista. Usciti da Ho Chi Minh City ci siamo diretti a nord verso i tunnel di Cu Chi, Ben Duoc dove abbiamo fatto un tour con sole altre due persone. Da Ben Duoc ci siamo diretti per la notte a Than Hoa nella provincia di Long An, piccolo paese perfetto per riposare prima di andare al lago di fiori di Loto, dove abbiamo dormito in una piccola palafitta situata sul lago stesso. Successivamente ci siamo recati a Vinh Long, che si trova ad ovest di un’isola molto divertente da girare in moto. Abbiamo passato una giornata ad esplorare solo la zona ovest, tra sentieri sterrati e piccoli ponti. La tappa successiva è stata Long Xuyen, dove è possibile vedere un mercato galleggiante sul Mekong, operativo solo alle prime luci dell’alba. Penultima meta è stata il parco ecologico di Rung Tram, dove è possibile fare un bellissimo giro in barca in una laguna di Mangrovie. Ultima tappa è stata Ha Tien, città sul golfo della Tailandia, dalla quale abbiamo preso il traghetto per l’isola di Phu Quoc.


DA HA TIEN A PHU QUOC

Abbiamo preso il traghetto dall’ Ha Tien Ferry terminal optando per la nave più lenta ed economica (non la SUPERDONG) che impiega circa tre ore e mezzo ad arrivare all’isola di Phu Quoc. Il costo è di circa 450mila Dong per due persone più moto, nonostante le raccomandazioni di prenotare la nave almeno un giorno prima, abbiamo trovato facilmente posto mezz’ora prima della partenza. Questa è stata l’ultima tappa del nostro viaggio in Vietnam, che è durato poco meno di tre mesi dove abbiamo percorso più di 2500km su una piccola 120cc, io alla guida, Marion e tre piccoli zaini!


RELATED ARTICLES

  • Getting ready! Vietnam
      E così dopo tante peripezie e cambi di programma, la prima meta scelta per il nostro lungo viaggio è il Vietnam. Abbiamo basato questa scelta sulla possibilità di vedere tanti scenari differenti, da quelli urbani delle sovraffollate Hanoi e Ho Chi Minh City ( conosciuta anche come Saigon ) , le meravigliose distese di campi di riso di Sapa fino alle spiagge di sabbia bianca di Mui Ne.…
    READ MORE...