Aug. 09, 2017

Un Weekend Alternativo A Londra Seconda Parte

, , , , , , , , , , Leave a comment


Dopo l’intensa giornata di sabato, è meglio cominciare la giornata della domenica in maniera più rilassata, e cosa c’è di meglio se non un tuffo in mezzo alla natura? C’è di meglio che non dovrete nemmeno spostarvi da Hackney, dove spenderete l’intera giornata tra animali, bancarelle e locali nascosti.

Allora iniziamo a muoverci verso l’1A di Goldsmiths Row, percorrete il piccolo viale per arrivare in una deliziosa corte dove inizierete a sentire il tipico odore di fattoria.
Sulla vostra sinistra troverete l’entrata di uno spazioso cafè decorato con gusto, tavoli e divani dove accomodarvi mentre fate la vostra colazione.
Siete appena entrati all’Hackney City Farm ( www.hackneycityfarm.co.uk ), progetto che “incoraggia l’uso sostenibile delle risorse locali”.
Difatti oltre al cafè se proseguite troverete alla vostra sinistra un’entrata che vi condurrà a dei recinti dove potrete vedere una vera e propria fattoria con tanto di galline, capre ed un enorme maiale.

Rifocillati e rilassati dopo quest’immersione in un oasi inaspettata, preparatevi ora a farvi largo tra i fiumi di gente che vi aspettano al Flower Marked di Columbia road.
Questo spettacolare mercato dei fiori è aperto solamente la domenica, dalle 8 alle 14 anche se troverete qualche mercante disposto a vendervi gli ultimi fiori anche dopo l’orario di chiusura, anzi, è questo il momento giusto per contrattare e strappare l’occasione: ricordo che pagai le mie due orchidee giganti la bellezza di £5 quando il costo per orchidea era di £12.
Columbia road merita di essere esplorata non solo per il suo incredibile mercato dei fiori, dove parte dello spettacolo è sentire le urla dei mercanti offrire piante per un “Fiver” o un “Tenner” (una banconota da 5 o da 10 pound), ma anche per i negozi , i cafè e i piccoli ristoranti.
Concedetevi il tempo di bervi un prosecco seduti all’aperto subito fuori dal Campania, 23 Ezra street, mentre guardate i fiumi di persone con in mano una quantità esagerata di piante e se siete fortunati potrete assistere a qualche spettacolo di suonatori di strada.

Sempre su Ezra street troverete a pochi passi di distanza un mercato all’aperto di oggetti di seconda mano che merita di essere visto.
Troverete anche qualche negozio di arredamento sulla via con dei bei pezzi di design.
In caso di languore vi consiglierei ora di tenervi leggeri magari prendendo qualcosa da mangiare direttamente dal double-decker food bus di Just Fab, una cucina installata dentro ad un autobus rosso a due piani, con cuochi che vi prepareranno solo piatti street food vegetariani ( 459-455 Hackney Road ).

Se a questo punto desiderate bervi un buon tè inglese per rigenerarvi e vi è rimasta la voglia di spendere del tempo con qualche animale, il Lady Dinah’s Cat Emporium è esattamente quello che vi serve.
Situato al 152-154 di Bethnal Green road, questa raffinata sala da tè non solo ha un ottima selezione di bevande e torte, ma vi ritroverete circondati da gatti che dimorano in questo luogo.
Consiglio caldamente di prenotare in quanto il Cat Emporium è spessissimo al completo, ma è un esperienza da fare se come me, siete grandi fan dei piccoli felini.

Ora magari due passi potrebbero essere quello che serve, e se siete maniaci dell’abbigliamento vintage, a pochi passi da voi si trova Cheshire street, strada che va a terminare nella più conosciuta Brick lane, ma molto meno battuta da turisti. Qui troverete qualche negozio dove perdervi per ore, tra cui vi segnalo Beyond Retro ( 110-112 Cheshire Street ), piccola catena di negozi di vestiti usati molto fornita, il Duke of Uke ( 88 Cheshire Street ), negozio dedicato interamente all’Ukulele, ed il Vintage Basement ( 7 Cheshire street ), altro negozio di vestiti di seconda mano meno fornito ma con prezzi inferiori rispetto a Beyond Retro, se sarete fortunati potrete trovare qualche vera occasione.
Per gli amanti delle scarpe inglesi segnalo Blackman’s shoe store, all’angolo con Grimsby street. Qua potrete trovare belle imitazioni di Clark’s a prezzi bassissimi e Dr.Martens a prezzi molto scontati.

Sorvolate Brick Lane s fatevi una bella passeggiata fino ad arrivare ad Hoxton square.

Qui non avrete altro che l’imbarazzo della scelta sul da farsi: visto che non potrete andare in tutti i locali della zona in una sola giornata, vi consiglio per ora di gustarvi una pinta di birra sul tetto del Red Lion. Unico inconveniente è che dovrete prendere il vostro drink al piano inferiore e poi inerpicarvi per le scale sperando di farne cadere il meno possibile.
In una giornata di sole questo è il miglior posto dove bersi qualcosa e guardarsi intorno pigramente.

Avrete visto che nella zona ci sono diversi ristoranti: liberi di scegliere quello che vi ispira di più, ma vi consiglio di considerare il Red Dog Saloon se siete amanti degli Hamburger.
L’unica pecca di questo posto è che, essendo spesso pieno, il pane non viene cucinato a dovere ma tolta questa variabile, ormai questo ristorante è il mio punto di riferimento quando si parla di Hamburger.
Vi consiglio anche qui di prenotare, magari in orari inusuali dove si presuppone ci sia meno gente per non incorrere nel problema pane ( www.reddogsaloon.co.uk ) o in attese troppo lunghe.
In caso abbiate davvero un appetito veramente invidiabile, provate l’hamburger chiamato “Devastator” o ancora meglio, mettetevi alla prova con la “Devastator Challenge”, non vi dirò di più per non rovinare la sorpresa!

Se i miei calcoli sono giusti ora dovreste essere schienati come tartarughe sul guscio, e per non essere troppo in “hangover” da hamburger domattina, buttar giù qualche spirito non è una brutta idea.
Attraversate la piazza in direzione del civico 8-9 di Hoxton square e prestate molta attenzione: vedrete dei tavolini ed un ristorante ma non è questa la vostra meta.
Spostate lo sguardo in basso a destra per scorgere una scala nera quasi invisibile e percorretela fino al seminterrato. State entrando all’Happiness Forgets, locale gemello dell’Original Sin di Stoke Newington.
Anche qui troverete un arredamento stile anni 30 illuminato da candele e poche lampade decisamente fioche. La lista dei cocktail è abbastanza corta ma ogni singolo cocktail vi farà venir voglia di ordinarne un altro.

Se uno di questi locali non facesse per voi, vi segnalo sempre nella zona di Hoxton, The Breakfast Club, che suppongo prenda il nome dall’omonimo film degli anni 80 con Molly Ringwald.
Catena con interni decisamente appariscenti e dal tocco Hawaiiano, offre buoni cocktail e buon cibo. Assolutamente da vedere i bagni, con delle carte da parati davvero divertenti.
Una volta nel disimpegno del bagno ho trovato un dj con tanto di palla a specchio e ben tre persone che ballavano ed occupavano l’intero minuscolo spazio.

Per una qualche birra segnalo il Callooh Callay e la StroongRoom Bar&Kitchen, entrambi con arredamento molto particolare ed una bella atmosfera.

Ed anche oggi la giornata è finita tra le piccole perle che questo quartiere ha da offrire.

Lasciatevi il tempo di passeggiare tra le stradine attorno ad Hoxton square, qui potrete trovare di tutto e vi potrebbe venire l’idea di trasferirvi qui ma fermatevi davanti alla prima agenzia immobiliare a caso e date un’occhiata ai prezzi, magari cambierete idea!


Un Weekend Alternativo A Londra Seconda Parte

FacebookGoogle+TwitterPinterestemail Dopo l’intensa giornata di sabato, è meglio cominciare la giornata della domenica in maniera più rilassata, e cosa c’è di meglio se non un tuffo in mezzo alla natura? C’è di meglio che non dovrete nemmeno spostarvi da Hackney, ...

Un Weekend Alternativo A Londra Prima Parte

FacebookGoogle+TwitterPinterestemail La maggior parte delle persone che non hanno mai vissuto a Londra hanno l’immagine di questa città come la città del Big Ben, di Westminster e della Saint Paul’s Cathedral: non che ci sia nulla di strano in questo, ...

Leave a reply

Follow Us On Social!

Facebook
YouTube
TWITTER
Instagram
Pinterest

Planning a new trip? 
Do it with a smile!
** Robin Travels **

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial